martedì 9 febbraio 2016

"Lo Steri dei Chiaramonte a Palermo", presentazione a Palermo

Il libro "Lo Steri dei Chiaramonte a Palermo", a cura di Antonietta Iolanda Lima, sarà presentato sabato 13 febbraio 2016 dalle ore 17,30 presso la libreria Novecento (Via Siracusa, 7/a, Palermo) dal critico Aurelio Pes.
All'incontro interverranno l'autrice e l'ex rettore dell'università Roberto Lagalla.
"E' con lo Steri di Palermo, progettato da Giovanni I° Chiaramonte per attestare la sua autorevolezza di primo magistrato giudiziario della città - scrive Aurelio Pes - che questa dimora diviene nel tempo compendiaria dell'intero mondo medievale, con le sue ascese, matrimoni, annessioni di nuovi territori, con le sue lotte cruente, feste, riti che si estinguono insieme al casato con la decapitazione dell'ultimo erede chiaramontano, Andrea, figlio naturale di Federico III°". Fortezza in basso capace di resistere a ogni evento sedizioso e dimora cortese in alto, con le luci che si irradiano all'interno delle splendide bifore e trifore musicalmente alternate, lo Steri trova il suo culmine nel Soffitto della Sala Magna (1377-1380), dipinto con historiae devozionali dedicate alla Vergine; fanciulle musicanti fra alberi fioriti, arcaiche scene d'assedio e di conquiste; tornei di guerrieri a cavallo, chiusi nelle loro armature; falchi, aquile, levrieri ed unicorni; persino la fantesca che cavalca Aristotele. Il tutto quasi a dare il senso compiuto dell'universo medievale, spesso tragico e feroce che tende però a stemperarsi con le ombre della sera e invita al sogno e alle parole enumerate dal giullare di corte che, accompagnandosi al liuto, recita forse i poeti della Scuola Siciliana a lui più cari.

lunedì 8 febbraio 2016

Palio del Viccio a Palo del Colle (BA)

Martedi 9 febbraio 2016 alle 15.30 si svolgerà la secolare manifestazione carnevalesca Palio del Viccio (del tacchino) a Palo del Colle (BA). La medievale giostra equestre vedrà protagonisti i 12 cavalieri rappresentanti dei rioni della cittadina barese. L'evento è organizzato dall'amministrazione comunale in collaborazione con l'associazione "I cavalieri del Palio". Alle 19.30 si svolgeranno la premiazione del vincitore in p.zza Santa Croce e la Sagra del tacchino. La gara si potrà seguire in diretta streaming dalle ore 15.30 sul sito istituzionale www.comune.palodelcolle.ba.it.

domenica 7 febbraio 2016

Duelli in piazza a Ferrara con Le Lame di San Polo

Domenica 7 febbraio 2016, dalle ore 16.00, nell’ambito dei molti eventi del Carnevale Rinascimentale a Ferrara, “Le Lame di San Polo”, Compagnia d’Arme del Rione bianconero intitolata a Gianni Brescanzin, saranno in piazza della Repubblica per esibirsi in duelli simulati e per far provare la spada a due mani a coloro che vorranno cimentarsi nell’antica e nobile arte della scherma.
A seguire, dalle ore 18.00 nel cortile del Castello Estense, per concludere il Carnevale come ai tempi dei Signori della Casa d’Este, l’associazione “Maestà della Battaglia” di Quattro Castella (Re) (Associazione Sbandieratori e Musici di Quattro Castella), eccellenza italiana nella rievocazione delle tradizioni del Medioevo, con i suoi giocolieri e sputafuoco diletterà e stupirà il pubblico presente.

sabato 6 febbraio 2016

Visita guidata nella Roma medievale

Andremo alla scoperta, attraverso una visita guidata, di uno dei luoghi più suggestivi e silenziosi di Roma, ricco di testimonianze medievali. Scopriremo tutti i segreti di uno dei rioni più belli della Roma Medievale.
Visiteremo la Chiesa di San Gregorio, Clivo di scauro, Basilica dei Ss. Giovanni e Paolo, Villa Celimontana, Arco di Dolobella, Chiesa di Santa Maria in Domnica, fontana della navicella.
Durata: 1h e mezza circa
Costo: 8 euro (adulti), 5 euro (sotto i 17 anni), gratis (dai 0 a 5 anni)
Per prenotarsi è obbligatorio contattare l'indirizzo email
visitailmedioevo@gmail.com specificando Nome, Cognome e numero di Tel. di chi prenota, Numero di partecipanti ed eventuale presenza di bambini specificando l'età.
L'appuntamento è per domenica 7 febbraio 2016 ore 15.30. Presentarsi 30' prima sul punto di ritrovo specificato nella mail di conferma della prenotazione.

venerdì 5 febbraio 2016

"Le terre del Verbano tra primo e secondo millennio"

"Le terre del Verbano tra primo e secondo millennio" è il titolo di un ciclo di tre incontri sulla storia locale promossi dal Circolo del Pallanzotto con il patrocinio del Comune di Verbania e in collaborazione con Amici dell’Archivio di Stato, Museo del Paesaggioe la Società dei Verbanisti.
Sabato 6 febbraio 2016 alle ore 15.30 a Villa Giulia (Corso Zanitello, 10, Pallanza): "Insediamenti, vita economica e sociale nelle terre di Pallanza e della Pieve di Intra tra il primo e il secondo Millennio". Relatore Giancarlo Andenna, già professore ordinario di Storia medievale all’Università Cattolica di Milano, Socio dell’Accademia dei Lincei a Roma. L’incontro è introdotto e si conclude con musiche eseguite dal “New Tone Trombone Quartet” che presenterà un repertorio moderno a tema medievale.
Sabato 20 febbraio 2016 alle ore 15.30 nel salone Oratorio Don Bosco a Pallanza: "Romanico verbanese: itinerario tra gli edifici sacri di Verbania". Relatrice Maria Pia Zocchi docente di Lettere Istituto Cobianchi di Verbania. L’incontro è introdotto e si conclude con musiche eseguite dal “New Tone Trombone Quartet” che presenterà un repertorio moderno a tema medievale. 
Infine sabato 5 marzo 2016 alle ore 15.30 lungo lago di Suna: la Chiesa di San Fabiano a Suna. Visita guidata alla chiesa che è stata recentemente interessata da importanti opere di consolidamento e restauro. Relatore: Stefano Martinella, Critico dell’arte.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

giovedì 4 febbraio 2016

"Il tesoro di Santo Stefano", presentazione a Piacenza

Libreria Feltrinelli, "Il tesoro di Santo Stefano"
Venerdì 5 febbraio 2016 alle ore 18,00, presso la Libreria Feltrinelli di Piazza Cavalli a Piacenza, Danilo Persicani presenterà il suo libro "Il Tesoro di Santo Stefano" (Parallelo45 Edizioni), primo atto della trilogia "I delitti della Via Francigena". Durante la serata, Persicani parlerà in anteprima anche del secondo capitolo della trilogia, "Le pievi di San Colombano", in uscita nella primavera 2016.
L'evento sarà presentato da Marco Senaldi, professore di Cinema e Arti Visive all'Università di Milano Bicocca.
Sullo sfondo di una Piacenza noir, il commissario De Siris si trova a dover indagare sulla misteriosa scomparsa di una collezione di oggetti preziosi, il Tesoro di Santo Stefano, trafugata da un museo alla vigilia della sua esposizione pubblica. Risalente all'anno Mille, il tesoro è legato ad una leggenda medievale riguardante il pellegrinaggio di fedeli lungo la Via Francigena, che attraversa la città. Le forze di polizia, guidate da De Siris, sembrano individuare immediatamente i responsabili del furto. Ma le loro indagini vengono ostacolate da una potente organizzazione criminale internazionale e dalla comparsa di due cadaveri senza nome che allontanano sempre più il commissario dal tesoro scomparso.
In "Le pievi di San Colombano", torna il commissario De Siris che indaga su due fatti di cronaca nera apparentemente slegati tra loro ma che conducono entrambi ad un giro di compravendita internazionale di oggetti antichi e che coinvolgerà le forze di polizia italiane, spagnole e francesi.
Danilo Persicani, piacentino dalla nascita, è geologo, ricercatore e docente presso il Liceo Statale Melchiorre Gioia di Piacenza. Nel periodo di attività presso la Facoltà di Agraria di Piacenza e il Politecnico di Torino, Persicani ha pubblicato numerosi articoli scientifici sull'inquinamento ambientale da pesticidi e metalli pesanti. "Il tesoro di Santo Stefano" è il suo primo romanzo.


Potrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/eventi/tesoro-santo-stefano-danilo-persicani-libreria-feltrinelli-4-febbraio-2016.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it

mercoledì 3 febbraio 2016

"Storie di corpi e di destini. Lavori in corso intorno alla violenza sulle donne nell’Italia medievale"

Gabriella Piccinni
Si scaldano i motori per la seconda tranche della rassegna Storia a Santa Margherita, che porterà nella chiesetta medievale biscegliese le repliche de i Mercoledì della storia, rodati da otto anni a questa parte nella libreria Laterza di Bari.
Il primo appuntamento è fissato per giovedì 4 febbraio 2016 alle 18;30 presso la Chiesa di Santa Margherita a Bisceglie (BT); protagonista sarà Gabriella Piccinni, docente di storia medievale presso l’università di Siena, che interverrà nell’incontro "Storie di corpi e di destini. Lavori in corso intorno alla violenza sulle donne nell’Italia medievale". A dialogare con l’autrice, ci sarà Grazia Amoruso, insegnante presso l’IISS Sergio Cosmai di Bisceglie.
Un tavolo rosa in cui si parlerà di femminicidio ai tempi del medioevo. Un viaggio, uno studio tra immagini e documenti per spiegare cosa si cela dietro questo termine, ad oggi così contemporaneo. Svelare cosa si nasconde alle spalle dell’idea d’armonia familiare, difesa del focolare domestico, o del delitto d’onore. Questi i punti centrali di un’indagine storica, in fase di pubblicazione, condotta da un’ équipe di studiosi che ha come perno la violenza sulle donne nell’Italia medievale, tra luoghi comuni e zone d’ombra.
Uno studio che si rivela di grande attualità, che fa da eco a fatti di cronaca nazionale come quelli di Colonia, il family day dello scorso 30 gennaio o il DDL Cirinnà approdato in Senato.
Per informazioni: Giuseppe Losapio: 3497514788; e-mail: marinaiodeltempo@gmail.com.

martedì 2 febbraio 2016

"..e di grossi drappi vestivano loro e le loro donne.."

Domenica 7 febbraio 2016 dalle ore 10:30 gli Arcieri del Lago organizzano un seminario sull'abbigliamento, tra il XIII e il XIV secolo, tenuto da Federico Marangoni con il seguente programma:
ore 10.30 - 12.30: l'abbigliamento civile maschile e femminile a cavallo dell'anno 1300 in Italia
ore 12.30 - 14.00: pausa pranzo
ore 14.00 - 15.00: cenni sull'abbigliamento militare di fine 1200
ore 15.00 - 16.30: reperire foni ed analizzarle: iconografie, inventari, e leggi suntuarie
ore 16.30 - 17.30: ricostruire la storia: esempi di ricostruzioni di abiti e metodologie di ricostruzione storica
ore 17.30 - 18.30: tempo dedicato alle domande e all'analisi degli indumenti dei partecipanti e suggerimenti per arricchire o completare la propria roba.
Posti limitati massimo 20 partecipanti.
In caso di alto numero di adesioni, il seminario verrà tenuto anche nella data di sabato 6 febbrario 2016.
Quota di partecipazione 35,00 euro (pranzo incluso).
Per informazioni: info@arcieridellago.com.
L'evento sarà tenuto presso il "Centro Visite del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi" in localita: Parco del Lago 50060 Londa (FI)

lunedì 1 febbraio 2016

"Luigi IX, il Re che volle essere Santo”, conferenza a La Spezia

Si terrà martedì 2 febbraio 2016 alle ore 16,00 a La Spezia presso la Fondazione Carispezia la conferenza-relazione dal titolo: "Luigi IX, il Re che volle essere Santo”. La figura di Luigi IX ((Poissy, 25 aprile 1214 – Tunisi, 25 agosto 1270), eretto agli onori degli altari pochi anni dopo la morte, viene osservata dal punto di vista politico con documenti e testimonianze, ma soprattutto viene tratteggiata tra contraddizioni e convinzioni, nella perenne aspirazione alla santità. La relazione sarà tenuta per l’Alliance Française della Spezia dalla Prof.ssa Rina Gambini, presidente del Centro Culturale Il Porticciolo, ideatrice e curatrice della Rivista d’informazione, approfondimenti e notizie di cultura, arte e società “Il Porticciolo”.
Laureata in Filosofia all’Università Statale di Milano oltre all’insegnamento di Materie Letterarie e delle Scienze Umane ha iniziato a impegnarsi nella promozione della cultura e nella critica letteraria, ha curato diverse antologie letterarie, soprattutto poetiche e tematiche allo scopo di diffondere e preservare la produzione letteraria contemporanea e stimolare l’interesse per la cultura tra le giovani generazioni. Durante questa conferenza farà conoscere al pubblico una figura medievale di grande spessore umano e politico, muovendosi tra fatti storici e curiosità, che serviranno a mettere in luce la complessa personalità del re capetingio. L’evento è gratuito

domenica 31 gennaio 2016

Le cripte medievali di San Felice e di San Giovanni Domnarum

Il Cristo in gloria, nella volta centrale della cripta
Domenica 31 gennaio 2016 dalle ore 14.30, per il ciclo “Conosciamo Pavia. La città sotterranea: visita a un patrimonio ‘nascosto’”, si terrà l’incontro “Le cripte medievali di San Felice e di San Giovanni Domnarum”.
La lezione ‘sul campo’ è tenuta dal prof. Luigi Schiavi e dal dott. Simone Caldano dell’Università di Pavia.
14.30 – Palazzo S. Felice , Università di Pavia, Via San Felice 5
15.45 – Chiesa di San Giovanni Domnarum, via Mascheroni 36
La cittadinanza è invitata. È gradita l’offerta di 1 Euro.
A cura del CONSOLE T.C.I Renata Crotti e dei VOLONTARI del T.C.I. in collaborazione con l’Associazione Alunni dell’UNIPV e la basilica di San Giovanni Domnarum.
Luigi Schiavi è ricercatore di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università degli Studi di Pavia (dal 2008). Tiene presso la medesima sede universitaria il corso di Storia dell’Architettura Medievale.
Simone Caldano si è laureato in Lettere moderne nel 2005 presso l’Università degli Studi di Pavia, con Anna Segagni Malacart e Luigi Carlo Schiavi. In seguito ha frequentato la Scuola di Specializzazione in Storia dell’Arte dell’Università degli Studi di Milano, conclusa nel 2010 (tutor Paolo Piva), e ha conseguito un dottorato in Storia dell’architettura e dell’urbanistica presso l’Università IUAV di Venezia (tutor Massimo Bulgarelli). Si occupa dell’architettura in Piemonte, Lombardia e Liguria tra X e XV secolo, con attenzione per la storia delle istituzioni ecclesiastiche e dell’insediamento. Le sue ricerche sono focalizzate principalmente sull’architettura romanica nel Piemonte orientale e sul Trecento lombardo. Ha pubblicato, tra l’altro, la monografia La basilica di San Giulio d’Orta (Savigliano 2012).
Informazioni e prenotazioni: tel. 335.1316992; e-mail: crore@unipv.it.

sabato 30 gennaio 2016

VII compleanno della Compagnia Mercenaria della Merla

In occasione dei famigerati giorni della merla, sabato 30 e domenica 31 gennaio 2016, il gruppo di rievocazione storica medievale “Compagnia mercenaria della Merla” anche quest’anno festeggerà il proprio compleanno nella splendida cornice della Fortezza Firmafede a Sarzana (SP).
Saranno graditi ospiti rappresentanti di compagnie d’armi provenienti da varie parti d’Italia: i Balestrieri del Mandraccio e i Cavalieri della Commenda da Genova; la Compagnia d'Arme delle 13 porte da Bologna; gli Arcieri di Morimondo; la Compagnia di Porta Giovia da Milano; l’Ordine delle Croci da Trieste; i Militum Vires da Lucca; la Compagnia di Sant’Andrea da Carrara e la Compagnia del Lion d’Oro da Firenze.
Il programma prevede alle ore 15:00 di sabato 30, una camminata lungo il tratto della via Francigena che porta alla Fortezza di Sarzanello, con visita al castello e al nuovo Museo della Brina.
Al rientro in città, un’altra breve passeggiata per le vie del nostro bellissimo centro storico… un pomeriggio da veri pellegrini!
E domenica 31 l’evento clou del compleanno, la gara di tiro con l’arco storico. Tra il fossato, la piazza d’armi ed i torrioni della Cittadella, gli arcieri si cimenteranno con tiri spettacolari… insomma, divertente da fare e bella da vedere.
La partecipazione alla camminata è gratuita. L’accesso e le visite alle fortezze seguiranno il tariffario classico (Fortezza di Sarzanello € 3,50 con visita – Cittadella € 3,00).

venerdì 29 gennaio 2016

IX Rievocazioone di Gelasio II a Gaeta (LT)

Sabato 30 gennaio 2016 a Gaeta (LT) si svolgerà la rievocazione di Gelasio II, il Papa nato da un illustre famiglia di Gaeta. Gelasio è stato il primo Papa eletto dal conclave, ma non ebbe un Pontificato facile perché costretto più volte a scappare da Roma per essere ospitato proprio a Gaeta dai Duchi del Sud.
Gaeta lo ricorda proprio in una delle sue fughe e ricostruisce con un maestoso corteo di figuranti l’atmosfera del 1118, quando Gelasio II fu cacciato da Roma da Enrico V, che lui non volle incoronare in San Pietro. L’imperatore nominò un antipapa, Gregorio VIII, e Gelasio trovò rifugio a Gaeta dove indisse un sinodo di vescovi e scomunicò Enrico V e l’antipapa. Poi, sotto protezione dei Normanni, potè ritornare a Roma.
La cittadina di Gaeta accolse con grande tripudio il suo illustre concittadino e, ancora oggi, si ricorda quel momento: il corteo, organizzato dall’Associazione Araldica “Contado” di Aquino, dal Gruppo Medievale di Itri e dal Gruppo “La Triade” di Gaeta, partirà alle ore 15,00 attraverserà tutto il centro storico per giungere, percorrendo Lungomare Caboto, alla chiesa di San Giovanni a Mare. Qui, dopo i saluti del Sindaco Cosmo Mitrano, ci sarà la relazione della dottoressa Marisa De Spagnolis sul patrimonio archeologico della Riviera d’Ulisse.
Info e programma completo nel sito ufficiale di Gaeta Medievale.

giovedì 28 gennaio 2016

"I panni del saracino" presentazione a Milano

Sabato 30 gennaio 2016 alle ore 17,00 Italia Medievale e Ancora Store sono lieti di invitarvi alla presentazione del nuovo romanzo storico di Gladis Alicia PereyraI panni del saracino” (Manni Editore, 2015) che si terrà presso l’Ancora Store di via Lodovico Pavoni, 12 a Milano. Interviene l’autrice. Ingresso libero.
Il 18 maggio 1291 San Giovanni d’Acri, ultimo caposaldo cristiano in Palestina, cade per mano del Sultano d’Egitto. Il giorno dopo inizia questa storia.
In una vivace ricostruzione storica di avvenimenti reali e immaginari scorre la vita di Nerino dei Buondelmonti.
Cavaliere fiorentino, francescano e poi pirata e corsaro al servizio di Genova, Nerino è protagonista di guerre sanguinose, carneficine, rapimenti e riscatti in un Mediterraneo senza pace sconvolto dalla furia del potere ad ogni costo.
Ma nel romanzo c’è anche l’amicizia, la lealtà e un grande amore, che trascinano il lettore fino all’ultima pagina, quando il protagonista, purificato dalle nefandezze compiute, in un nuovo giorno sul mare, pensa finalmente alla sua donna che l’attende.
Gladis Alicia Pereyra è nata in Argentina, a Cruz del Eje, da madre italiana e padre argentino. Nel 1973 si è trasferita a Roma dove vive e lavora. Pubblica articoli e brevi saggi di storia medievale sulla rivista on-line dell’Associazione Culturale Clara Maffei.
Questo suo secondo romanzo è stato finalista del Premio all’inedito Palazzo al Bosco.
Visita il sito dell’autrice !

mercoledì 27 gennaio 2016

"La fortezza di Montefeltro", presentazione a Pesaro

Lunedì 1 febbraio 2016 alle ore 18,00 nell’auditorium di palazzo Montani (piazza Antaldi, 2 – 61121 Pesaro), per la serie “Pesaro Storie” viene presentato il volume, terzo numero della collana “ArcheoMed” dell'Università di Urbino, "La fortezza di Montefeltro, San Leo: processi di trasformazione, archeologia dell’architettura e restauri storici" (All’Insegna del Giglio, Sesto Fiorentino 2016, pp. 324) di Daniele Sacco e Alessandro Tosarelli.
Con gli autori conversano Tommaso di Carpegna Falconieri e Anna Lia Ermeti, docenti dell’Università di Urbino.
Attraverso fonti documentarie e iconografiche il volume, frutto di un progetto di ricerca congiunto fra l’Università degli studi di Urbino e l’Università degli studi di Bologna, illustra le trasformazioni della fortezza di San Leo, nel Montefeltro, dalle origini ai tempi nostri.
Il masso di San Leo è un patrimonio inestimabile per la storia dell’architettura militare europea e del paesaggio. La sua maestosità, che impressionò anche Dante, sta nel connubio tra strutture murarie e posizione naturale. Posizione precaria però, che nel corso dei secoli ha subito la perdita per frana di molti volumi originali. Il masso è oggi talmente tanto arretrato che la fortezza si trova, per così dire, in punta di piedi sul ciglio del precipizio, in corsa contro il tempo per la sua conservazione.
Attraverso le discipline dell’Archeologia dell’architettura e del Restauro architettonico, questo volume costituisce un nuovo strumento di lettura, comprensione e tutela utile agli addetti ai lavori e a chiunque sia interessato alla conservazione e alla fruizione di quel bene culturale. All’opera hanno collaborato anche Antonio Conti, Francesco Veneri e Siegfried Vona.
Daniele Sacco è dottore di ricerca in Archeologia dei processi di trasformazione. Già docente a contratto presso l'Università di Urbino nell'ambito dell'Archeologia del paesaggio, oggi è assegnista di ricerca in Archeologia cristiana e medievale presso il dipartimento di Scienze della Comunicazione, Studi Umanistici e Internazionali. Autore di saggi di Archeologia medievale e direttore di cantieri archeologici, si occupa di Archeologia dei processi di trasformazione del paesaggio e dell'edilizia storica fra tardoantico e basso Medioevo in area medio adriatica. Riserva particolare attenzione all'evoluzione diacronica del popolamento e dell'habitat; fra i temi di approfondimento predilige il tracollo del paesaggio antico, l'incastellamento, i sistemi produttivi della pietra e le forme di assistenza ospedaliera medievale in rapporto al fenomeno del pellegrinaggio.
Alessandro Tosarelli è laureato in Ingegneria Edile-Architettura presso l’Alma Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna con la tesi “La fortezza di San Leo: restauri storici, indagini sulle superfici architettoniche esterne e linee di metodo per la conservazione”, segnalata al XVIII premio di laurea sulle architetture fortificate dell’Istituto Italiano dei Castelli. Ingegnere, libero professionista, collabora con studi di progettazione e restauro dell’architettura. Ha all’attivo diverse pubblicazioni e altri contributi sul restauro architettonico e sulla fortezza di San Leo.

martedì 26 gennaio 2016

"La basilica di Santa Maria del Colle a Pescocostanzo" presentazione a Roma

“Come si è potuta produrre e accumulare – per almeno tre secoli, dai primi del ’500 alla fine del ’700 – una raffinata e costosa creazione d’arte in un centro abitato così piccolo, Pescocostanzo (oscillante allora tra i 1000 e i 2000 abitanti; oggi circa 1200), incassato tra le montagne d’Abruzzo a 1400 m di altitudine?” È questa la domanda che pone il linguista e filologo Francesco Sabatini nel libro "La Basilica di Santa Maria del Colle a Pescocostanzo", della casa editrice Edizioni Menabò.
Il volume sarà presentato martedì 26 gennaio 2016 alle ore 17,30 nel Palazzo Altieri a Roma. L’incontro sarà moderato dal giornalista Guido Alferj ed interverranno Giovanni Sabatini (Direttore generale ABI), Gaetano Basti (Direttore editoriale Menabò), Lucia Arbace (Direttore Polo Museale dell’Abruzzo), Maria Giulia Picchione (Soprintendente Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo) Anna Colangelo (Funzionario storico dell’arte Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio) Luciano D’Angelo (Fotografo) Mauro Vitale (Fotografo) Roberto Sciullo (Sindaco di Pescocostanzo) Pasquale del Cimmuto (già Sindaco di Pescocostanzo) Angelo Spina (Vescovo di Sulmona Valva) Francesco Sabatini (Presidente Emerito dell’Accademia della Crusca) Giovanni Legnini (Vice Presidente CSM).
La basilica spicca nel centro di Pescocostanzo (AQ) sin dall’ XI secolo. In seguito a un terremoto fu ricostruita, ampliata e arricchita. Tra i suoi tesori la scultura lignea della Madonna del Colle e una pala di altare di Tanzio da Varallo.
Segui l'evento su Facebook !

lunedì 25 gennaio 2016

“Marco Polo. Le fantastiche avventure di messer Milione" a Santa Margherita Ligure (GE)

Venerdì 29 gennaio 2016 alle ore 16,00 presentano a “Spazio Aperto” di Santa Margherita Ligure (GE) “Marco Polo. Le fantastiche avventure di messer Milione" a 692 anni esatti dalla morte” la rivisitazione in chiave umoristica del viaggio, nel rispetto della ricostruzione storica, l’autore Enzo Marciante e il giornalista Emilio Carta.
Il Devisement dou monde (“Descrizione del mondo”), ovvero Milione, è uno dei grandi libri del Medioevo: frutto della collaborazione tra il veneziano Marco Polo, viaggiatore e narratore, e il pisano Rustichello da Pisa, letterato ed estensore, entrambi prigionieri di guerra dei Genovesi nelle carceri della Superba. E’ il racconto di 25 anni di viaggi in Asia che svelò al pubblico europeo l’esistenza di una civiltà lontana, con gli occhi meravigliati e increduli di un ragazzo partito nel 1271 per accompagnare il padre in Cina. Un racconto che viene riproposto con le tavole a colori affascinanti create da un cartoonist ligure, Enzo Marciante: autore di strisce sul Corriere Mercantile, sull’Intrepido e sul Corriere dei Piccoli e di numerosi volumi di cronaca e di avventure.

domenica 24 gennaio 2016

"Oltre L'Aquila. Le mura e i ponti"

Una giornata di studi dedicata alle mura medievali e alle preesistenze storiche e archeologiche rispetto alla data di fondazione della città, fino ad arrivare alle nuove infrastrutture, con particolare riferimento ai ponti. Questi gli argomenti al centro del convegno “Oltrelaquila”, organizzato dal Rotary Club L’Aquila in collaborazione con il Comune, che si terrà martedì 26 gennaio 2016, a partire dalle ore 10.00, nell’Auditorium del Parco.
La sessione mattutina si aprirà con un intervento del dottor Vincenzo D’Ercole, già direttore archeologo della Soprintendenza archeologica d’Abruzzo, attualmente alla Direzione generale Antichità del Ministero per i Beni e le Attività culturali, dedicato alle emergenze archeologiche di epoca preromana nel territorio aquilano, con particolare riferimento a testimonianze legate proprio alla cinta muraria.
Seguirà una relazione del professor Fabio Redi, docente ordinario di Archeologia medievale all’Università dell’Aquila, dedicata ai risultati delle indagini storico archeologiche relative al periodo tardo antico e medievale.
L’architetto Antonio Di Stefano, della Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici per l’Abruzzo, terrà invece un intervento sul progetto di recupero delle mura urbiche. Concluderà l’assessore alla Ricostruzione del Comune dell’Aquila, Pietro Di Stefano, illustrando il progetto di valorizzazione che riguarda la cinta muraria.
La sessione pomeridiana, che vedrà come moderatore l’avvocato Luca Bruno, presidente del Rotary Club L’Aquila, avrà inizio alle ore 15.30 e si aprirà con un intervento introduttivo dell’assessore alla Ricostruzione pubblica Maurizio Capri, cui seguirà un contributo del professor Lorenzo Fanale, del Dipartimento di Ingegneria civile, edile – architettura e ambientale dell’Università dell’Aquila, dedicato al ponte Belvedere.
Interverrà quindi il Consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Infrastrutture, in merito al progetto relativo al Ponte della Mausonia.
Le conclusioni saranno affidate al sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e all’ingegner Sergio Basti, governatore del Distretto 2090 Rotary.
“Sarà un momento importante – ha dichiarato il sindaco dell’Aquila Cialente – che vedrà insieme il contributo di archeologi, tecnici e amministratori, chiamati a confrontarsi da una parte sul quadro storico di riferimento e sui progetti di tutela e valorizzazione, dall’altra su alcune delle principali infrastrutture della città. Un incontro dal quale, certamente, emergeranno questioni di grande interesse ai fini della pianificazione futura”.

sabato 23 gennaio 2016

La Katàbba 2016

Monforte San Giorgio (ME) si prepara a vivere le tanto attese giornate della Katabba, in cui si ricorda l’ingresso del Conte Ruggero d'Altavilla e la liberazione dalla dominazione araba. Il borgo medievale si anima al suono della “Katàbba” (derivazione dal greco Katabasis-discesa o dall'arabo Qataba-adunata o da entrambi), un’affascinante sonata tradizionale eseguita dal campanile della Chiesa di Sant'Agata e composta dal succedersi di ritmi realizzati da campane e tamburo.
Per ben venti giorni, all’alba e al tramonto, per le vie di Monforte San Giorgio (ME) risuona il suggestivo concerto di campane e tamburo che con venticinque ritmi diversi, affidati all'estro degli esecutori inerpicati sul campanile, rievoca l'arrivo del messaggero degli Altavilla: il trotto dei cavalli, il passo felpato del cammello su cui, secondo la leggenda, avanzava Ruggero e la fuga dei Saraceni.
Sullo sfondo di questa magica atmosfera, l’Associazione Katabba animerà il weekend di sabato 23 e domenica 24 gennaio 2016 con una serie di eventi. Tiro con l’arco, combattimenti medievali, giocolieri, artisti di strada, visite guidate al patrimonio artistico, spettacoli medievali e degustazioni medievali nei punti ristoro per concludere domenica 24 con i cortei storici di Sicilia e il gran corteo storico della "Katabba”.
Durante il percorso, si rievocherà l’entrata trionfale del Gran Conte Ruggero I° d’Altavilla entro le mura di Monsfortius, con al seguito la corte principesca. All’arrivo in Piazza si eseguirà il rito dell’accensione del sacro fuoco della cristianità donato dal monaco bizantino, custode nelle grotte del castello della fede cristiana, e la consegna delle chiavi cittadine.
Si continuerà poi fino a tarda sera con il percorso medievale all’interno del borgo antico: arti e mestieri, con la forgiatura di spade e il conio delle monete, un mercatino medievale, danzatrici del ventre e l’area degustazione.
Tutte le informazioni nel sito ufficiale della Katàbba !

venerdì 22 gennaio 2016

"Il Museo del Duomo tra arte e storie", visita guidata a Milano

Sabato 23 gennaio 2016 alle ore 10,30, visita guidata "Il Museo del Duomo tra arte e storie".
Dal lontano 1386 a oggi il Duomo di Milano ha visto passare tanta parte della storia della città e attraverso i suoi lavori, gli ingegneri e gli artisti che si sono avvicendati nella sua edificazione, ne è nato un simbolo unico per Milano.
Scopriamone insieme le storie e gli aneddoti attraverso le sale del Museo a esso dedicato.
Punto di ritrovo: davanti all’ingresso del Museo del Duomo presso Palazzo Reale
Durata: 90 minuti circa – Si consiglia di arrivare 15 minuti prima
Costo: euro 14,00
Visita guidata + ingresso Museo + volume* in omaggio
* Il Duomo di Milano tra arte e storia" di Carlo Romussi (160 pagine – Meravigli edizioni)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
E-mail: eventi@visiteguidatepertutti.it.
SMS:   333 6377831.

giovedì 21 gennaio 2016

"Genova e il mare nel Medioevo", presentazione a Milano

Sabato 23 gennaio 2016 alle ore 17.00 presso la Sala Conferenze del Civico Museo Archeologico di Milano (ingresso da Via Nirone, 7), l’Associazione Culturale Italia Medievale e Archeobooks sono lieti di invitarvi alla presentazione dell’ultimo saggio di Antonio MusarraGenova e il mare nel Medioevo” (Il Mulino, 2015). Dialogano con l’autore Franco Cardini (Istituto italiano di Scienze Umane) e Marina Montesano (Università di Messina). Ingresso libero.
A chi giunge dal mare il seno di Giano offre uno spettacolo d’ineguagliabile bellezza. Nel sole meridiano, Genova si staglia all’orizzonte, immobile, sospesa ai contrafforti che la sovrastano. E’ questa l’immagine fornita dai viaggiatori medievali, colpiti dalle possenti strutture del suo porto, dalle sue mura imponenti, dai suoi palazzi ricoperti da marmi splendenti, dai suoi dintorni cosparsi di residenze di campagna, immerse in una vegetazione rigogliosa. E’ vero, Genova la si capisce meglio dal mare. E’ il mare a costituire, nel lungo millennio medievale, il primo ed essenziale richiamo per i suoi abitanti, i quali prosperano grazie al commercio e alle attività finanziarie, viaggiano da un capo all’altro del mondo conosciuto, si stabiliscono fuori patria, fondando qua e là non nuove città ma «atre Zenoe», e nonostante ciò avvertono sempre e comunque il richiamo della madrepatria, eletta da tempo a «porta» d’Europa e del Mediterraneo. Questo libro ripercorre le tappe essenziali della storia medievale genovese: dalla lenta ascesa dei secoli precedenti al Mille all’espansione mediterranea, attraverso la partecipazione alle crociate e le guerre contro Pisa, Venezia e l’Aragona, con un occhio di riguardo alla situazione politica interna e al contesto internazionale. I Genovesi, guerrieri e mercanti, ne sono i protagonisti. Il mare ne è la principale lente d’ingrandimento.
Antonio Musarra è dottore di ricerca in Storia medievale. Tra i suoi libri: «La guerra di San Saba» (Pacini, 2009), «Gli Annali di Ogerio Pane (1197-1219) e di Marchisio Scriba (1220-1224)» (con M. Montesano, Frilli Ed., 2010), «In partibus Ultramaris. I Genovesi, la crociata e la Terrasanta (secc. XII-XIII)» (ISIME, in corso di stampa).
Autore di articoli e saggi, pubblicati in riviste nazionali e internazionali e in volumi miscellanei, redattore di voci per il Dizionario Biografico degli Italiani (Treccani), ha prestato particolare attenzione alla trascrizione ed edizione di documenti inediti, prevalentemente di provenienza notarile, per lo più legati alla vita a bordo delle galee genovesi nei secoli XIII e XIV.
Fra i suoi attuali interessi di ricerca rientrano alcune tematiche legate alla guerra navale nel Mediterraneo basso-medievale, con particolare riguardo alle fonti dei conflitti tra Genova e Venezia tra XIII e XIV secolo, e ai rapporti tra Genova e l’impero ottomano nel secolo XV; sta approfondendo, inoltre, alcuni aspetti della sensibilità religioso-folklorica dell’Italia tre-quattrocentesca a partire da alcune fonti cronachistiche e testamentarie.
Visita il sito dell’autore.